Giornata della memoria: a Novellara è tempo di ricordare e riflettere - ::: COMUNE DI NOVELLARA (RE) :::

archivio notizie - ::: COMUNE DI NOVELLARA (RE) :::

Giornata della memoria: a Novellara è tempo di ricordare e riflettere

 
Giornata della memoria: a Novellara è tempo di ricordare e riflettere
Il 27 Gennaio 1945 i soldati dell’Armata rossa abbattevano i cancelli del lager di Auschwitz. Novellara commemora lo sterminio e le persecuzioni del popolo ebraico e dei deportati militari e politici italiani nei campi nazisti con due incontri. Sabato 27 Gennaio la Compagnia “Teatro dell’Orsa” propone: “Vivere ancora. Voci dal filo spinato” in memoria dell’Olocausto. Una narrazione teatrale delle testimonianze scritte delle vittime con immagini su diapositive e musica dal vivo di Claudia Catellani. Monica Morini e Bernardino Banzoni, hanno percorso vite, tormenti, speranze attraverso quaderni, diari, tracce degli scritti, provenienti dalle testimonianze di donne e uomini sopravvissuti e no all'olocausto. La scelta dei testi di Etty Hillesum, Peter Weiss, Primo Levi, Ruth Kluger, tra altri, nasce dall'esigenza di rappresentare la resistenza e la resa di fronte al tentativo di omologare e uccidere ogni diversità sia di classe che di razza o religione. La privazione alle persone dei propri diritti, delle cose, poi della dignità e infine della loro vita. Il vento disumano di quegli anni continua a soffiare per molti popoli della terra. E deve rimanere bene impresso nelle nostre menti, se vogliamo riconoscerlo e cacciarne gli orrori. Hetty Hillesum conclude così il suo diario: "si vorrebbe essere un balsamo per molte ferite". Le scuole potranno assistere allo spettacolo gratuito nella mattinata del 27 a partire dalle ore 10.00, mentre, per gli adulti, sono ancora disponibili dei posti per lo spettacolo delle ore 21.00. Domenica 28 alle ore 10.30, in Sala del Consiglio sarà la volta di confrontarsi in un convegno dal titolo: “Cittadini di serie B: come le leggi razziali hanno cambiato la vita dei cittadini italiani di origine ebraica”. Eva Lucenti farà da relatrice, per ripercorrere i più vili e ignobili provvedimenti che marchiarono la vita quotidiana delle famiglie di origine ebraica. Interverrà il prof. Bruno Segre, presidente dell'Associazione italiana 'Amici di Neve' Shalom - Wahat al-Salam'.

Pubblicato il 
Aggiornato il 
Risultato (3834 valutazioni)